Storia del Museo

Durante la sua carriera professionale, Auguste Escoffier ha formato più di 2000 cuochi e tra loro anche il mecenate della nostra Fondazione, Joseph Donon.

Escoffier, quando era già famoso e lavorava al Carlton di Londra, lo notò durante un soggiorno presso la sua città natale, mentre Donon lavorava come aiuto cuoco al castello di Villeneuve-Loubet. Quando qualche giorno dopo ripartì per l'Inghilterra, portò con sé il giovane Donon. Escoffier si era ripromesso di trasmettergli tutti i segreti del mestiere di cuoco. Una volta terminata la sua formazione, il nostro mecenate partì oltreoceano, ed ebbe una carriera sfolgorante negli Stati Uniti dove lavorò presso le prestigiose famiglie Frick e Vanderbilt.

Dopo la morte di Escoffier, due dei suoi più stretti collaboratori, Paul Thalamas e Eugène Herbodeau, proposero a Joseph Donon di creare un museo in memoria del maestro, nella sua casa natia di Villeneuve-Loubet. Riconoscente, desideroso di rendere omaggio al suo maestro e di protrarre nel tempo la sua etica e la sua opera, accettò di finanziarlo.

Il museo aprì le sue porte il 2 maggio 1966, sessant'anni dopo il primo incontro tra maestro e discepolo.

Le dieci sale diventarono lo scrigno dei ricordi del maestro, ma anche di oggetti ed utensili d'epoca, di una ricca documentazione sull'arte culinaria, di tavole imbandite, di un orto provenzale, di una collezione di più di 3000 menù antichi e moderni, di opere realizzate in zucchero, pastillage e cioccolato, così come di un'importante biblioteca e di un centro di ricerca sulla gastronomia.

Vengono regolarmente ad arricchire la collezione anche donazioni e lasciti.

Auguste Escoffier

 

Riconosciuto come il padre della cucina moderna, Auguste Escoffier (1846-1935), "Cuoco dei Re e Re dei Cuochi", è ancora oggi considerato come uno dei più grandi chef della gastronomia francese.

Uomo generoso, pieno d'inventiva e visionario, quest'umanista e filosofo lasciò profondamente il segno nella sua professione attraverso una carriera eccezionale.

Con César Ritz, Direttore dei più grandi hotel del XIX secolo, creò le basi dell'industria alberghiera di lusso, tuttora in vigore.

La sua opera più importante, La Guida alla Grande Cucina, vera e propria Bibbia per i cuochi, rappresenta un punto di riferimento per il prestigioso concorso del "Meilleur Ouvrier de France".

Per saperne di più...

Il Museo Escoffier dell'Arte Culinaria ti permetterà di visitare la casa natia di questo Chef fuori dal comune.

 

Auguste Escoffier nacque in questa stanza, dove sono raccolti tutti i suoi ricordi più personali, libri, foto di famiglia, menù scritti da lui stesso, onorificenze ricevute, in particolare la Legion d'Onore, che fu il primo cuoco a ricevere.

Il suo studio è la stanza principale di questa sala, il luogo dove ha scritto le sue riflessioni sull'arte culinaria e sul pauperismo.

Sono esposte qui anche alcune delle opere più antiche del nostro centro di documentazione.

L'Arte Culinaria

 

Immergiti nell'universo della gastronomia grazie a questo Museo d'arte culinaria, unico in Francia.

 

Dieci sale d'esposizione ti faranno scoprire una parte della storia e l'evoluzione della cucina attraverso differenti oggetti, utensili d'epoca, mobili antichi, ma anche attraverso le figure che hanno fatto la storia della cucina francese.

Sala dedicata all'Arte Pasticcera

Nella sala consacrata all'arte pasticcera, delle magnifiche sculture in zucchero, pastillage e cioccolato risveglierano i tuoi sensi: la vista ma anche l'olfatto!

Questa sala, un vero e proprio omaggio al mestiere di pasticcere, svela il lato artistico di questi professionisti, meno conosciuto dai visitatori.

Non appena entrerai nella sala, sarai avvolto dal profumo di cioccolato, grazie alle sculture che vengono rinnovate senza sosta.

È in seguito al successo dell'esposizione temporanea "La ciliegina sulla torta" (2011) che il Museo ha integrato queste opere nella sua collezione permanente, grazie alle donazioni di tutti i pasticceri partecipanti all'esposizione, membri dell'APRECA (Associazione di Pasticceri di Ristoranti Stellati della Costa Azzurra, oggi dissolta).

Scopri una ricca collezione di menù che vanno dal 1820 ai giorni nostri

La collezione presentata all'ultimo piano del Museo, in ordine cronologico e tematico, riunisce una gran varietà di menù: stampati su seta, a volte decorati con delicate volute o calligrafati su disegni di artisti.

I menù, un vero e proprio invito ad un viaggio nel tempo, ti permetteranno di scoprire l'evoluzione dei nostri gusti e delle nostre abitudini alimentari!

Una Biblioteca interamente dedicata alla Gastronomia

 

Regolarmente alimentata da nuovi acquisti e donazioni, la biblioteca presenta 3000 opere che vanno dal XVII secolo ai giorni nostri, dal Cuoco Françoise de La Varenne (1650) al "Grande Libro di Cucina" di Alain Ducasse, passando per i "Deipnosofisti a Banchetto" di Ateneo di Naucrati (in greco) e l'"Heptameron des Gourmets" di Edouard Nignon (edizione 1919).

Senza dimenticare ovviamente tutti gli scritti di Auguste Escoffier nella loro edizione originale.

Il centro di documentazione è accessibile su appuntamento per tutti gli appassionati, studenti e ricercatori di tutte le nazionalità.

Le opere sono consultabili solo sul posto.
Per maggiori informazioni, ti preghiamo di contattare la nostra archivista, Ophélie Cayla: o.cayla@musee-escoffier.com

La Videoteca

 

Trova tutti i nostri video sul nostro canale Youtube cliccando sul logo qui sotto:

Logo Youtube.jpg

Musée Escoffier de l'Art Culinaire

3, rue Auguste Escoffier

06270 Villeneuve-Loubet Village

+33 (0)4.93.20.80.51

escoffier.com@gmail.com

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Instagram Social Icon
  • Trip Advisor Social Icon